PROSPETTIVE EDUCATIVE NO SCADENZA #10

School Stock photos by Vecteezy

Il mio “spero” pedagogico

10.    Si può costruire l’intelligenza a Scuola?

È quanto è stato chiesto all’interno di una ricerca sperimentale affiancata al consueto curricolo educativo-didattico, avente per oggetto una prima classe della scuola elementare.
Tutto è iniziato, a settembre ’89, quando si è venuta formulando l’ipotesi che gli alunni di sei anni di età avrebbero incontrato possibilità più favorevoli alla strutturazione delle capacità di leggere e di scrivere in modo funzionale, sciolto e gradevole, se fossero loro state garantite puntuali opportunità di vivere esperienze di spessore privilegiatamente cognitivo in un contesto a connotazione socio-interattiva in senso stretto. La stessa ipotesi, che si poggia all’assunto di base della “causalità del sociale”, punta alla elaborazione dei prerequisiti essenziali all’apprendimento e degli schemi minimali di organizzazione personale, aprendo la didattica a percorsi nuovi ed evolutivamente interessanti.
Si è pensato quindi a un lavoro, dedicato in esclusiva ai piccoli neo-scolarizzati, con obiettivi fondamentali di prevenzione, mirato alla realizzazione del massimo sviluppo attorno al potenziale cognitivo, alla caduta delle differenze iniziali, al rinforzo della motivazione ad apprendere, alla scoperta del “piacere” legato alle attività del leggere-scrivere, al consolidamento degli automatismi, all’acquisizione della stabilità circa i successi conseguiti, all’accrescimento della fiducia e dell’autostima, all’estensione della possibilità di generalizzazione delle capacità e delle conoscenze raggiunte.
La ricerca ha interessato un gruppo (16 bambini) trattato in training specifico, in parallelo a un altro gruppo di alunni coetanei (72 bambini) che hanno svolto il ruolo di controllo. Questi ultimi hanno appreso i processi di lettura-scrittura mediante l’impiego del metodo sillabico a partire dal primo impatto con la scuola e, come anche è avvenuto per i bambini in training, sono stati sottoposti a uno “screening” di entrata relativo al livello iniziale raggiunto in competenze e conoscenze di ordine cognitivo, logico, senso-percettivo e grafo-motorio.
Con modalità che per certi versi si discostavano dalla normalmente intesa attività curricolare, gli alunni del gruppo sperimentale hanno “atteso” la fine di novembre per tentare un primo approccio sistematico a quelle attività di carattere analitico-sintetico che i loro compagni del gruppo di controllo conoscevano da tempo. – Perché questo temporeggiamento?
Perché il bambino neo-scolarizzato dovrebbe saper familiarizzare con operazioni cognitive che richiedono la logica della “conservazione” delle equivalenze, di piagetiana memoria, soprattutto attraverso la padronanza di una condizione inerente alla conservazione degli insiemi che poggia su operazioni logiche, sottese queste ultime da una consolidata reversibilità delle azioni, e attraverso la apparizione di una seconda condizione, connessa questa alla capacità di ordinare per seriazioni. Nello specifico, a queste condizioni è legata la possibilità di interiorizzare in misura completa e costruttiva un pre-requisito uditivo-fonetico imprescindibile dalla dinamica dell’apprendere con efficacia a leggere e a scrivere: la capacità di operare in analisi-fusione sillabica.
Ebbene, nella mia Scuola come altrove, pochi fra i bambini neo-scolarizzati possiedono tale equipaggiamento (forse il 4%, da stime recenti). Per tutti gli altri, una partenza prematura in arzigogolature analitiche attorno a una problematica quanto inconcepibile corrispondenza “fonema-grafema” potrebbe trasformarsi in un presupposto facilitante l’insuccesso, in una componente sicuramente devastante per gli alunni portatori di forme pregresse di difficoltà.
Sono state queste considerazioni a far decidere per una scelta inusitata in programmazione didattica, indirizzata al gruppo di 16 alunni di una prima classe elementare.
Il tempo “perso” nei primi due mesi di scuola è servito a recuperare e a reintegrare, in un’ottica di prevenzione secondaria del disturbo di apprendimento scolastico, le dinamiche del processo potenziale di sviluppo verso una ristrutturazione cognitiva delle conoscenze e delle capacità di manipolazione simbolica, di analisi discriminativa, di astrazione-differenziazione-gerarchizzazione, di formulazione e verifica di ipotesi, di transfert cognitivo e di problem-solving per un apprendimento significativo a livelli di ottimalità.
Si è fatto uso di 6 metodologie affiancate: 1) integrazione cognitivo-linguistica (programma di Bereiter-Engelmann) e 2) psico-motoria (programma di Picq-Vayer); 3) integrazione logico-operatorio-concreta attraverso lo strumento della regolazione cognitiva offerto da un sistema di coordinazioni socio-interattive, come viene formulato in seno alla Psicologia sociale genetica (F. Carugati, W. Doise, G. Mugny); 4) applicazione del “Progetto M.T.” per favorire la maturazione di sei aree cognitive fondamentali mobilitate nel processo di apprendimento del linguaggio scritto; 5) proposta di collaborazione, indirizzata alle famiglie e favorevolmente accolta, volta all’adozione del progetto “Kirklees Paired Reading Project” per la lettura in coppia genitore/bambino; 6) intensificazione degli approcci individualizzati per gli alunni portatori di persistenti difficoltà di apprendimento, rivelatesi in occasione delle verifiche intermedie (schede operative di G. Stella e J. Pippo).
I risultati iniziali, intermedi e finali sono stati sottoposti ad analisi statistiche comparative (t di Student, Analisi della varianza, Coefficiente di correlazione). Teniamo conto che, per tutta la prima metà dell’anno scolastico, i rilievi paralleli hanno fatto registrare una netta superiorità dei gruppi di controllo. Le cose sono però mutate nell’arco terminale del periodo scolastico.
Le stime attorno ai risultati finali, infatti, sono state quasi sempre a favore del gruppo trattato in training (14 voci su 16). In 3 dei 14 casi positivi, le differenze a vantaggio del gruppo in training si sono rivelate statisticamente significative, là dove le voci in negativo hanno dato medie con differenze non significative.

BIBLIOGRAFIA

  1. AA.VV., L’attaccamento, Roma, “Il Pensiero Scientifico” Ed., 1976.
  2. AA.VV. (a cura di Fonzi A.), “L’interazione tra coetanei: un approccio multidimensionale”, in Età evolutiva, Firenze, Giunti, n° 44, 1993, pp. 53/93.
  3. AA.VV. (a cura di Pontecorvo C.), “Apprendere in gruppo a scuola: prodotti e processi”, in Età evolutiva, Firenze, Giunti, n° 24, 1986, pp. 43/106.
  4. ALBANESE Ottavia, DOUDIN Pierre-André, MARTIN Daniel (a cura di),
  5. Metacognizione ed educazione, Milano, F. Angeli, 1996, 2a Edizione.
  6. ATTILI Grazia, “Il legame madre-figlio”, in Psicologia e Scuola, Firenze, Giunti, n° 116, marzo-aprile 1993, pp. 4/13.
  7. AUSUBEL David P., Educazione e processi cognitivi, Milano, Angeli, 1987.
  8. AUZIAS Marguerite, Les troubles de l’ècriture chez l’enfant, Paris, Delachaux et Niestlé, 1970.
  9. BATESON Gregory, Mente e natura, Milano, Adelphi Edizioni, 1984.
  10. BATESON Gregory, BATESON Mary Catherine, Dove gli angeli esitano, Milano, Adelphi Edizioni, 1989.
  11. BEREITER C., ENGELMANN S., Scuola per l’infanzia e svantaggio culturale, Milano, Angeli, 1980.
  12. BERNSON Marthe, Dallo scarabocchio al disegno, 1975.
  13. BORKOWSKI J.G., MUTHUKRISHNA N., “Lo sviluppo della metacognizione nel bambino: Un modello utile per introdurre l’insegnamento metacognitivo in classe”, in Insegnare all’Handicappato, 8, 3, 229-251, 1994.
  14. BRUNER Jerome, Verso una teoria dell’istruzione Cambridge 1966 – Armando, Roma 1967.
  15. BRUNER Jerome, Il significato dell’educazione, New York 1971 – Armando, Roma 1973.
  16. BRUNER Jerome, Il conoscere. Saggi per la mano sinistra, Cambridge 1964, Armando, Roma 1972.
  17. BRUNER J.S., BROWN R.W., Il pensiero – strategie e categorie, Roma, A. Armando, 1969.
  18. BRUNER Jerome, La ricerca del significato, Torino, Bollati Boringhieri, 1992.
  19. BRUNER Jerome, La mente a più dimensioni, London 1986, Laterza, Bari 1994.
  20. BRUNER Jerome, La cultura dell’educazione. Nuovi orizzonti per la scuola. 1996, Feltrinelli, Milano 1997-1998.
  21. CAMAIONI Luigia, La prima infanzia, Bologna, Il Mulino, 1980.
  22. CAMBI F., CIVES G., FORNACA R., Complessità, pedagogia critica, educazione democratica, Firenze, La Nuova Italia, 1991, 2a Ristampa 1995.
  23. CANFIELD Jack, WELLS Harold C., “Come migliorare il concetto di sé nell’allievo”, in Psicologia e Scuola, Firenze, Giunti, n° 66, ottobre- novembre 1993, pp.57/64.
  24. CORNOLDI Cesare, ORLANDO Laura, “La metamemoria”, in Psicologia e Scuola, n° 37, 1987/1988, pagg. 3-14, Firenze, Giunti.
  25. CORNOLDI Cesare, CASTENETTO Maria Pia, “Metamemoria e processi di memorizzazione”, in Psicologia e Scuola, n° 38, 1988, pagg. 3-10, Firenze, Giunti.
  26. CORNOLDI Cesare, CAPONI Beatrice, “Metamemoria, strategicità e ricordi in bambini della scuola elementare”, in Età evolutiva, n°34, 1989, pagg. 5-14, Firenze, Giunti.
  27. CORNOLDI Cesare (a cura di), “La metacognizione”, in Età evolutiva, n° 40, 1991, pagg. 57-119, Firenze, Giunti.
  28. DE AJURIAGUERRA Julien, L’écriture de l’enfant, II. La rééducation de l’écriture, Paris, Delachaux et Niestlé, 1978.
  29. DE AJURIAGUERRA Julien, L’écriture de l’enfant, I, Paris, Delachaux et Niestlé, 1979.
  30. DE AJURIAGUERRA Julien, “Le funzioni culturali della scrittura e le condizioni dello sviluppo della scrittura nel bambino”, in Hd, n° 3, Settembre 1984, pagg. 10/16.
  31. DE BENI Rossana, MAZZONI Giuliana, “L’attribuzione e la fiducia nelle proprie abilità mnestiche. Il livello strategico e la prestazione di memoria in bambini di differenti età”, in Età evolutiva, n° 38, 1991, pagg. 32-48, Firenze, Giunti.
  32. DE BENI Michele, Costruire l’apprendimento, Brescia, Ed. La Scuola, 1994.
  33. DE BONO Edward, Strategie per imparare a pensare, Torino, Ed. Omega, 1992.
  34. DE BONO Edward, Sei cappelli per pensare, Milano, Rizzoli, 1991.
  35. DE BONO Edward, Io ho ragione – Tu hai torto, Torino, Sperling & Kupfer, 1991.
  36. DE BONO Edward, Il bambino di fronte ai problemi, Milano, Garzanti, 1974.
  37. DE BONO Edward, Il pensiero laterale, Milano, Garzanti, 1972.
  38. DEPOUILLY Jacques, Apprenez à regarder les dessins de vos enfants, Somogy 1998.
  39. DOISE Willem, MUGNY Gabriel, La costruzione sociale dell’intelligenza, Bologna, Il Mulino, 1982.
  40. DOMAN Glenn, Leggere a tre anni, Roma, Armando, 1970
  41. EKWALL Eldon E., “Testo scritto e tecniche metacognitive”, in Psicologia e Scuola, n° 31, 1986, pagg. 3-15, Firenze, Giunti.
  42. ERIKSON Erik H., in Trattato di patologia dell’apprendimento (a cura di Sapir S.G. e Nitzburg A.C.), Roma, Armando, 1976.
  43. FIORIN Italo (a cura di), “Il pensiero va a scuola”, in Scuola Italiana Moderna, n° 3, 15 gennaio 1993 (inserto), Brescia, Ed. La Scuola.
  44. FREUD Anna, L’Io e i meccanismi di difesa.
  45. GAGNÉ Ellen D., Psicologia cognitiva e apprendimento scolastico, Torino, S.E.I., 1989.
  46. GARDNER Howard, Educare al comprendere. Stereotipi infantili e apprendimento scolastico, Milano, Feltrinelli, 1993, 5a Edizione 1997. 27)
  47. GARDNER Howard, Cambiare idee. L’arte e la scienza della persuasione, Harvard Business School Press, 2004 – Editore Feltrinelli, Milano 2005, Traduzione di Ester Dornetti.
  48. KLEIN M., La psicoanalisi dei bambini, Firenze, Martinelli, 1970
  49. LAURENZI Laura, “Quell’infanzia ostaggio del video”, su la Repubblica, 29 ottobre 1995, pag. 19.
  50. LAUSTER P. e U., Il mio bambino è maturo per la scuola?, Brescia, La Scuola, 1975.
  51. LEDDOMADE Bice, La dislessia problema relazionale, Roma, Armando Armando, 1979.
  52. LIPMAN Matthew, SHARP A.M., OSCANYAN F.S., “La Filosofía en el aula”, Proyecto Didáctico Quirón, n° 31, Madrid, Ediciones de la Torre, 1992. (Originale: Philosophy in the classroom – 1980 – Philosophy goes to school – 1988).
  53. LOBROT Michel, Troubles de la langue écrite et remèdes, Paris, E.S.F., 1980.
  54. LURIA A.R., YUDOVICH F.Ia., Linguaggio e sviluppo dei processi mentali nel bambino, Firenze, Giunti B., 1975.
  55. MAHLER Margaret, PINE Fred, BERGMAN Ani, La nascita psicologica del bambino, Torino, Boringhieri, 1978.
  56. MANNONI Maud, Il bambino ritardato e la madre, Torino, Boringhieri, 1976.
  57. MAZZITELLI Isabella, “I bambini divorziano dai nonni”, su la Repubblica, 6 giugno 1996, pag. 24.
  58. MAZZONI Giuliana, “Motivazione e strategie di memoria in bambini di scuola materna”, in Età evolutiva, n° 30, 1988, pagg. 44-50, Firenze, Giunti.
  59. MUCCHIELLI Roger, BOURCIER Arlette, La dislessia, Firenze, La Nuova Italia, 1974.
  60. MUGNY Gabriel, CARUGATI Felice, Psicologia Sociale dello sviluppo cognitivo, Firenze, Giunti Barbera, 1987.
  61. MUSSEN, P.H et al., Child Development and Personality, Published by Harper & Row (1984)
  62. OLIVERIO FERRARIS Anna, Il significato del disegno infantile.
  63. PASSOW Harry e Collaboratori (a cura di), L’educazione degli svantaggiati, Milano, Angeli, 1985.
  64. PEUGEOT Jacqueline, La connaissance de l’enfant par l’écriture, Toulouse, Edouard Privat, 1979.
  65. PIAGET Jean, Lo sviluppo mentale del bambino e altri studi di psicologia, Torino, Einaudi, 1967.
  66. PIAGET Jean, Il linguaggio e il pensiero del fanciullo, Firenze, Giunti B. 1967.
  67. PIAGET Jean, L’equilibrazione delle strutture cognitive, Torino, Bollati Boringhieri.
  68. PICQ Louis, VAYER Pierre, Educazione psicomotoria e ritardo mentale, Roma, Armando Armando, 1968.
  69. PONTECORVO Clotilde (a cura di), “Teorie della mente e autismo”, in Età evolutiva, n° 45, 1993, pagg. 57-112, Firenze, Giunti.
  70. POPPER Karl Raimund, Congetture e confutazioni, London, 1969 – Il Mulino, 1972).
  71. POPPER Karl Raimund, Logica della scoperta scientifica, Einaudi, 1970, 1995
  72. SHARP E., Pensare a tre anni, Roma, Armando, 1982.
  73. SMORTI Andrea, Università di Firenze, in Età Evolutiva, n° 44, 1993, pagg. 101-114
  74. SPITZ R.A., Il primo anno di vita del bambino, Firenze, Giunti B., 1962
  75. STERN Arno, Aspects et Technique de la Peinture d’Enfants, 1956.
  76. STERN Arno, Une grammaire de l’Art Enfantin, 1966.
  77. STERN Arno, Une nouvelle Compréhension de l’Art Enfantin, 1968.
  78. STERN Daniel N., Il mondo interpersonale del bambino, Torino, Bollati Boringhieri, 1987.
  79. STROBEL H., L’insuccesso scolastico, Roma, Armando, 1978.
  80. TAVOSCHI Gianna, “Apprendere a memorizzare”, in Psicologia e Scuola, Firenze, Giunti, n° 36, 1987, pagg. 36-46;  n° 37, 1987/1988, pagg. 39-48;  n° 38, 1988, pagg. 34-52.
  81. VYGOTSKIJ  L.S., Pensiero e linguaggio, Firenze, Giunti B., 1966
  82. VYGOTSKIJ L.S., Storia dello sviluppo delle funzioni psichiche superiori, Firenze, Giunti B., 1974
  83. VYGOTSKIJ  L.S., Immaginazione e creatività nell’età infantile, Roma, Editori Riuniti, 1986
  84. VYGOTSKIJ  L.S., Il processo cognitivo, Torino, Boringhieri, 1987
  85. WERNER  H., Psicologia comparata dello sviluppo mentale, Firenze, Giunti B.,
  86. WRIGHT Carol Strawderman e Collaboratori, “La depressione negli studenti in difficoltà: identificazione precoce e intervento”, in Difficoltà di Apprendimento, Trento, Ed. Erickson, n° 2, dicembre 1996, pp. 175/203.
  87. ZAZZO B., Il grande salto dalla scuola materna alla scuola elementare, Firenze, La Nuova Italia, 1986

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: